CBDOO al vostro servizio

🔞 Non vendibile ai minori di 18 anni

SOLDES 💥 -40% CON CODICE (esclusi gli accessori) 🌱

Avete una domanda? 06 70 73 89 02

I benefici del CBD secondo gli studi scientifici

i benefici del CBD

Il cannabidiolo, o CBD in breve, è una delle tante molecole presenti nella pianta di canapa. Si stima che contenga oltre 200 altre molecole, ma il CBD è il cannabinoide più presente nel fiore di canapa. L'uso della canapa da parte dell'uomo ha origini molto lontane. Le prime tracce risalgono a quasi 10.000 anni fa. Già nel 1800 a.C., diversi testi dell'antico Egitto parlavano della "pianta della marijuana medica" in riferimento alla pianta sorella contenente THC, la cannabis. La differenza tra canapa e cannabis è il contenuto di THC. Al di sopra dello 0,3% di THC nella pianta, è cannabis e illegale. Al di sotto dello 0,3% di THC, si tratta di canapa. È legale e non ha effetti psicotropi. Meglio ancora, secondo alcuni studi clinici, il CBD ha un potenziale terapeutico e dei benefici! Ve li presentiamo in questo articolo.

Antinfiammatorio e antiossidante

Secondo uno studio del 2019 dell'Università di Białystok, Polonia [1]: "Il CBD può potenziare indirettamente gli effetti antinfiammatori. Studi clinici hanno confermato che il CBD riduce i livelli di citochine infiammatorie. Agendo in questo modo attraverso il recettore della proteina PPAR*, il CBD mostra proprietà antinfiammatorie e antiossidanti".

**PPAR: svolgono un ruolo importante nel metabolismo degli acidi grassi, nell'infiammazione e nello sviluppo embrionale.

Efficace contro artrite e osteoartrite

L'artrite reumatoide (meglio nota come artrite) è una malattia infiammatoria cronica che colpisce circa l'1% della popolazione e si manifesta con distruzione delle articolazioni, deformità e perdita di funzionalità associate a rigidità articolare, dolore, gonfiore e tenerezza.

Uno studio del 2010[2] ha dimostrato che la somministrazione orale giornaliera (5mg/kg) di CBD inibisce la progressione della malattia.

Efficace contro il diabete

Secondo questo studio del 2010: "Uno degli usi più studiati del CBD è il suo effetto terapeutico nel diabete. È stato dimostrato che il CBD ha un effetto terapeutico nella neuropatia diabetica [2]". Un altro studio del 2010 aggiunge che "il CBD attenua la risposta infiammatoria delle cellule endoteliali indotta dal glucosio e l'interruzione della barriera nelle cellule endoteliali coronariche umane [3]".

Efficace contro l'infiammazione

Il secondo studio del 2010 afferma che il CBD ha una potente azione antinfiammatoria. È stato dimostrato che riduce le citochine infiammatorie nell'artrite e nel diabete. In questo modo, previene i danni cerebrali in caso di interruzione della circolazione sanguigna e previene l'infarto cerebrale[3].

Il CBD può aiutare ad alleviare il dolore

Uno studio del 2020 [4] ha concluso che il CBD offre un'opportunità per il trattamento del dolore cronico intrattabile per il quale i trattamenti primari sono insufficienti o impossibili.

Mal di schiena cronico

Lo studio del 2020[4] ha rilevato che "il trattamento prolungato (meno di 7 giorni) con CBD ha attenuato il dolore cronico causato dalla lesione da costrizione cronica del nervo sciatico in ratti e topi".

Efficace contro la fibromialgia

In uno studio del 2019[5], è emerso che "nei pazienti con fibromialgia, il trattamento con CBD ha ridotto il dolore di oltre il 30% rispetto ai soggetti che hanno ricevuto un placebo".

Efficace contro l'emicrania

Nel 2017, uno studio [6] è riuscito a dimostrare l'impatto positivo del CBD sul trattamento dell'emicrania. Lo studio ha confrontato l'effetto di diverse sostanze somministrate a gruppi di test. Ha dimostrato che la soluzione di cannabinoidi ha dato i risultati migliori. "Nel trattamento del dolore acuto, i cannabinoidi hanno ridotto l'intensità del dolore nei pazienti affetti da emicrania del 43,5%".

Effetto ansiolitico - il CBD riduce l'ansia e la depressione

Ansia e CBD

Efficace contro l'ansia

Uno studio brasiliano pubblicato nel 2019 ha condotto un test: a 57 soggetti è stato somministrato CBD per via orale o un placebo 90 minuti prima di sottoporsi a una prova simulata di public speaking. I ricercatori hanno scoperto che una dose di 300 mg di CBD era efficace nel ridurre significativamente l'ansia durante questo test [7]. Sempre nel 2019, uno studio ha esaminato l'interazione del CBD con l'ansia e il sonno [8]. Tra 72 pazienti con disturbi d'ansia, 52 hanno risposto positivamente dopo aver assunto CBD per un mese, notando una riduzione del loro disturbo.

Efficace contro la depressione

In uno studio del 2016 condotto dai ricercatori dell'Università del Colorado [9] , è stato riportato che il CBD in dosi relativamente elevate (25 mg al giorno, in questo caso) ha un effetto antidepressivo. In questo studio clinico, il CBD in forma di olio è stato sostituito a un noto antidepressivo: l'imipramina (LAROXYL), e non sono stati osservati effetti collaterali con il cannabidiolo.

Effetto antitumorale: Cancro

Un tumore è una massa di cellule anomale che si riproducono in modo incontrollato e invadono l'organo. Nel 2011, uno studio [10] ha rilevato che il CBD ha indotto l'apoptosi (morte cellulare programmata) in una serie di tumori al seno umani. Uno studio clinico del 2016 [11] dell'Università di Madrid afferma che "il CBD esercita un significativo effetto antitumorale - e in particolare inibisce il potere invasivo delle metastasi " [...] "i cannabinoidi (principalmente CBD e THC) inibiscono l'angiogenesi tumorale e diminuiscono la migrazione delle cellule tumorali". I cannabinoidi colpiscono solo le cellule tumorali
Uno studio congiunto del 2018 dell'Università di Napoli e di Aberdeen [12] afferma che: il CBD riduce la proliferazione cellulare solo nelle cellule tumorali, ma non in quelle sane.

Effetto neuroprotettivo

 

Efficace contro le malattie neurodegenerative

Una malattia neurodegenerativa è una patologia progressiva che colpisce il cervello o, più in generale, il sistema nervoso. Molti disturbi neurodegenerativi come la malattia di Huntington, il morbo di Parkinson o il morbo di Alzheimer comportano deficit cognitivi. Uno studio del 2012[13] ha esaminato se il cannabidiolo possa essere utile nel trattamento dei disturbi della memoria. Un modello animale di deterioramento cognitivo causato dal sovraccarico di ferro è stato utilizzato per testare clinicamente gli effetti del cannabidiolo nei topi che soffrono di problemi di memoria. Risultati: una singola iniezione di cannabidiolo alla dose più alta ha permesso ai topi trattati con ferro di recuperare la memoria . Il cannabidiolo assunto regolarmente ha migliorato la memoria di riconoscimento nei topi trattati con ferro. Il CBD ad alte dosi non ha influenzato la memoria nei topi di controllo. Inoltre, in uno studio del 2017[14] sugli effetti del CBD sulla malattia di Alzheimer, i test sui topi hanno rivelato la capacità del CBD di ridurre l'infiammazione neuronale e di promuovere la neurogenesi*. Secondo lo studio, il CBD previene lo sviluppo di deficit cognitivi nei topi. Lo studio conclude che "il cannabidiolo ha proprietà neuroprotettive, antinfiammatorie e antiossidanti ".

Il CBD ha un effetto antispastico

 

Contro le malattie infiammatorie croniche dell'intestino (IBD)

Uno studio del 2008[15] dell'Università di Napoli presenta "il cannabidiolo come mezzo potenzialmente valido per normalizzare la motilità* in pazienti con malattie infiammatorie intestinali (malattia di Crohn e rettocolite emorragica).

** La motilità può essere iperattiva, con conseguente diarrea o vomito, o sottoattiva (ipo motilità), con conseguente stipsi o vomito.

*In entrambi i casi si osserva dolore addominale.

Efficace contro l'epilessia

Gli spasmi epilettici sono caratterizzati da un'improvvisa estensione o flessione degli arti. In uno studio clinico condotto nel 2018[16]: 57 pazienti di età compresa tra 1 e 20 anni con epilessia di varia eziologia sono stati trattati con olio di CBD (rapporto CBD / THC di 20:1) per almeno 3 mesi (tempo di follow-up mediano - 18 mesi). 46 pazienti sono stati inclusi nell'analisi di efficacia. La dose media di CBD era di 11,4 mg/kg/die in 26 pazienti. È stato osservato che il 56% delle persone ha avuto una riduzione ≤ 50% della frequenza media mensile degli attacchi. I risultati dello studio suggeriscono che l'aggiunta del CBD al trattamento convenzionale dei pazienti affetti da epilessia refrattaria può determinare una riduzione significativa della frequenza degli attacchi.

CBD e problemi della pelle

 

Efficace contro l'acne

L'acne è una malattia infiammatoria della pelle, particolarmente comune nell'adolescenza. L'acne e la seborrea, le malattie dermatologiche più comuni, sono caratterizzate da un'elevata produzione di lipidi (sebo) da parte delle ghiandole sebacee. I risultati clinici pubblicati nel 2014[17] suggeriscono che, grazie ai suoi effetti combinati lipostatici*, antiproliferativi e antinfiammatori, il CBD ha un potenziale come agente terapeutico promettente per il trattamento dell'acne.

** Lipostatico = che controlla la costanza delle riserve di grasso.

Efficace contro la psoriasi

La psoriasi è un'altra malattia infiammatoria della pelle. È di origine autoimmune, con un'infiammazione derivante da una scarsa risposta del sistema immunitario. Uno studio del 2017 dell'Università del Colorado [18] ha rilevato che le proprietà immunomodulanti del CBD riducono l'infiammazione cutanea.

Efficace contro le lesioni cutanee

Uno studio [19] su 20 pazienti con i due più comuni disturbi della pelle: psoriasi (n: 5 pazienti), eczema (n: 5) e conseguenti cicatrici (n: 10). I soggetti hanno applicato un unguento contenente CBD sulle aree cutanee interessate due volte al giorno per tre mesi di trattamento. I risultati hanno mostrato un netto miglioramento dell'aspetto della pelle, in particolare della sua elasticità e idratazione.

Gli effetti del CBD sulle dipendenze

I disturbi legati alle dipendenze comprendono l'alcolismo, la tossicodipendenza, il tabagismo e le dipendenze comportamentali (ad esempio, gioco d'azzardo, internet). Agiscono sul circuito di ricompensa del cervello. L'oggetto della dipendenza occupa uno spazio sempre maggiore nella vita del paziente. Il tossicodipendente aumenta gradualmente la dose/il consumo della droga per ottenere lo stesso effetto. I disturbi legati alla dipendenza persistono per una serie di motivi: il craving, l'ansia, la sensibilità del soggetto allo stress. In uno studio pubblicato nel 2018[20]: a topi con una storia di autosomministrazione di alcol o cocaina è stato somministrato CBD transdermico a intervalli di 24 ore per 7 giorni. Sono stati poi valutati i loro livelli di stress e di ansia. Il CBD è risultato in grado di ridurre lo stress e la necessità di ricorrere a sostanze che creano dipendenza. Un metastudio del 2015 del Quebec[21] sottolinea che gli studi condotti sui topi hanno dimostrato i possibili effetti del CBD sulla dipendenza da oppioidi* e psicostimolanti*. Studi condotti sull'uomo hanno presentato prove preliminari di un impatto benefico del CBD su cannabis e tabacco.

** Psicostimolanti: cocaina, ecstasy, MDMA, ecc.

** Oppioidi: derivati dell'oppio. Esempi: eroina, morfina e codeina.

Il CBD per la libido e la vita sessuale

CBD e libido

Efficace contro lo stress

Lo stress è uno dei principali fattori di perdita della libido. Numerosi studi hanno dimostrato che il CBD ha proprietà ansiolitiche [22]. Il cannabidiolo può quindi avere un effetto positivo su questo fattore.

Migliora l'orgasmo

In uno studio condotto su 5398 americani, il 9% dei quali ha dichiarato di aver assunto CBD prima di fare sesso, il 31% degli uomini e il 33% delle donne ha sperimentato un miglioramento dell'orgasmo [23].

Migliora la lubrificazione

Secondo questo studio [24], il cannabidiolo applicato per via topica ha un effetto antinfiammatorio. Anche alcuni produttori di lubrificanti hanno deciso di incorporare il CBD nella composizione dei loro prodotti.

Migliora l'erezione

Quando gli uomini invecchiano, producono diossina, una tossina che svolge un ruolo importante nella disfunzione erettile. Secondo un recente studio [25], il CBD riduce questa tossina nell'organismo.

Conclusione 

La ricerca sul CBD procede a ritmo sostenuto e le sue applicazioni sembrano quasi illimitate. Tuttavia, dovremo aspettare ancora molti anni prima di poter svelare tutti i segreti che questa meravigliosa pianta ha da offrire. Se questo articolo vi ha ispirato a fare il grande passo, non esitate a visitare il nostro negozio. Consultate il nostro blog per saperne di più sul CBD e tenetevi aggiornati sulle ultime novità!

 

 

Collegamenti

I nostri prodotti CBD

Vi consigliamo di continuare a leggere questi articoli

    Cosa sono il mal di testa e l'emicrania? Secondo l'OMS, si tratta di disturbi molto diffusi e particolarmente invalidanti. La cefalea viene generalmente definita "mal di testa". L'emicrania, invece, è una forma specifica di mal di testa. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il mal di testa è un problema sanitario importante [1]. L'emicrania [...]

    Che cos'è la fibromialgia? La fibromialgia o sindrome fibromialgica [1] è una malattia reumatica poco riconosciuta e complicata da trattare. La fibromialgia è più comune nelle donne di mezza età (esordio tra i 20 e i 50 anni) ed è caratterizzata da intensi dolori articolari e muscolari, grande stanchezza, dolore alle articolazioni e [...].

      Che cos'è la malattia di Lyme? La malattia di Lyme, o borreliosi di Lyme, è causata dal batterio Borrelia Burgdorferi. Di solito viene trasmessa all'uomo e agli animali tramite punture di zecche dure durante il contatto con la natura (lavori agricoli o passeggiate in campagna).